Parlando del più

E tralasciando il meno si potrebbe dire che la Santanchè è intelligente ma ha dei veri e propri momenti in cui non capisce un cazzo. Che poi quando un politico dice io non faccio parte della casta perchè lavoro da quando ho 18 anni prego che parta uno da Palermo per avere una rincorsa adeguata nel dare un calcio nel … Continua a leggere

Luci ad Est

Piccoli momenti tra le luci d’oriente a ripensare e fotografie per dimenticare. Delle bugie migliori mi ricordo i luoghi. Delle verità più scomode mi ricordo la distanza. Rubare non è appoggiarsi.

Dimensioni e parentesi

Parlando di questo racconto che sto scrivendo è la storia di un futuro tra parentesi,come se uno nella storia della sua vita avesse una vita che poteva essere e che invece è rimasta tra parentesi. Si sa che il periodo ha un senso anche se la parentsi si salta. Ma una parentesi non si salta mai. La si legge sempre … Continua a leggere

La chitarra e il menu’.

Suonata così bene spacca il cuore. Sentivo tutto modulato ed armonico mentre sospirosa la coloured girl sospirava soul;il buon amico godeva come godevo io. E stavo bene anche io. Si è parlato di curiosità. Ancora pochi giorni e la musica verrà vietata del tutto. Toglie valore alle case sapete?. Otto persone non lo sapevano. Forse la bellezza è il menu di … Continua a leggere

Una profonda voglia di te

Ci siamo quasi? Sto finalmente amando il mio destino? Ho ancora puara di negarmi ma sto anche male per te. Avrei bisogno di più tempo ma non sarebb giusto. Avrei bisogno di più aria ma non ce n’è. Il tempo sta cambiando.

Ridevano

Pensando a cosa sarebbero diventati. Snodati sulle panchine ipotizzavano un futuro scartando le banalità. E invece crescere forse significava proprio accettare la propria banalità. Per questo crebbe anche l’amarezza e la semplicità. Ora resto a chiedermi cosa sia un figlio. Un esigenza,una scelta,qualcosa che capita e va bene così? Forse dovrei correre a casa ma perchè qualcosa mi fena,mi disturba,mi … Continua a leggere

Un altro errore.

Avete mai sentito Paolo Conte cantare di un vecchio errore? Un’altra serata chiusa. Con il bisogno di chiamarti e il blocco a fermarmi. Una anestesia questo mese. …pagato caro,un gesto avaro… Ho ascoltato più o meno interessato un sacco di politici,in famiglia hanno tutti la febbre. Eccetto mia madre. Che periodo strano. …avevo il cuore duro allora…  e, ciònonostante, la … Continua a leggere